• Rovio-e-Generoso-Ovest_web
  • San-ROCCO-2021_web

Associazione Categoria: Ambiente e Cultura

Profilo
Profilo
Foto
Mappa
Recensioni
Inserzione correlati
  • L’Associazione Pro Generoso Ovest è nata nel 1993 per valorizzare il territorio compreso tra le balze calcaree e i boschi della grande montagna e il lago Ceresio. Il versante Ovest del Monte Generoso è il più interessante e selvaggio del gigante del Sottoceneri, alto 1701 metri, inciso da gole e vallate scavate nella roccia calcarea da dove scendono i fiumi Mara e Sovaglia. Nella sua ombra, cinque Comuni ereditano una lunga storia che risale all’epoca dei Celti, dei Romani e dei Longobardi e che nel Medioevo vide affrontarsi lungo una rete di castelli fortificati le milizie di Como e di Milano per il controllo del passaggio tra il nord e il sud delle Alpi. 

    Il primo sentiero aperto dalla neonata Associazione, che conta un centinaio di soci e ha sede a Melano, è stato il piacevole percorso a mezza costa nel bosco, ancora oggi molto frequentato, che porta dai campi sportivi di Melano alla stazione di Maroggia. Il fiore all’occhiello della Pro Generoso Ovest è però il sentiero di 9 chilometri, molto articolato, al quale i soci hanno lavorato per anni con grande dedizione e in assoluto volontariato. L’iniziativa dell’Associazione è stata premiata nel 2019 da una convenzione pubblica con i municipi interessati che assicura oggi il mantenimento e la messa in sicurezza del sentiero. Diventato ufficialmente il «Sentiero dei 5 Comuni», il percorso completo affronta 300 metri di dislivello in 4 ore circa di cammino, è facile e adatto a tutti. Descrive un anello da Melano a Maroggia per salire poi a Rovio, al castello di Doragno, traversare a Devoggio, Pusio, Piazzo e tornare infine al santuario della Madonna della Cintura. Una diramazione prosegue eventualmente con vista lago fino a Bissone.

    L’Associazione ha appena portato a termine anche un altro interessante progetto (si potrebbe dire un vecchio sogno dei soci fondatori) con il recupero della cappella di San Rocco, poco sotto il paese di Rovio, sul vecchio tracciato pedonale che scendeva verso il lago. Un documento del 1915 ricorda che la cappella a quel tempo era consacrata e vi si tenevano funzioni religiose. La struttura, costruita tra il Sei e il Settecento, era ridotta ormai da decenni ad un rudere invaso dai rovi e perso nel bosco. Con l’accordo della famiglia Groppi, proprietaria del terreno, il Comitato direttivo della Pro Generoso Ovest è riuscito a coinvolgere la Parrocchia di Rovio e il Cantone e quindi finanziare un attento restauro conservativo, che ha dato nuova vita all’antica cappella dedicata al santo protettore dalla peste. I lavori sono terminati nel 2020, con la posa del tetto che oggi protegge la volta originale in pietra calcarea e l‘apertura di un nuovo sentiero di accesso dal paese di Rovio.

  • Nessuna voce trovata

    Spiacenti, non abbiamo trovato alcuna voce. Modifica i criteri di ricerca e riprova.

    Mappa Google non caricata

    Spiacente, impossibile caricare le API delle mappe Google.

  • Lascia una Recensione

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *